SULL’ISOLA PEDONALE PERMANENTE SUI NAVIGLI


LE PROPOSTE DEI GRUPPI DI OPPOSIZIONE

SULL’ISOLA PEDONALE PERMANENTE

La risorsa “Navigli” è forse giunta ad un punto di approfondimento e condivisione mancato finora; dopo anni di riunioni nelle quali si è discusso di tutto senza poter giungere ad una qualche soluzione, forse questo è il momento buono.

Queste proposte, se condivise dai soggetti interessati, potrebbero rappresentare un’inversione di tendenza rispetto al passato in quanto coprono tutti gli aspetti problematici e di miglioramento che nel corso degli anni sono stati trattati singolarmente senza mai avere una visione d’insieme.

Prioritario rimane però l’impegno dell’Amministrazione Comunale nel compiere fino in fondo la parte che le compete e, in particolare, quella dei controlli e degli investimenti strutturali e culturali.

Questa è la premessa che ci spinge a richiedere la convocazione urgente di un Consiglio straordinario alla presenza degli Assessori interessati alla vicenda “Navigli” nel quale presentare le proposte che verranno definite dal presente tavolo di lavoro.

Premessa

Le precedenti proposte relative all’isola pedonale permanente furono cassate dagli uffici tecnici per una serie di motivazioni che ora sono venute meno; infatti

  • si è conclusa realizzazione del parcheggio interrato di Manusardi;
  • sono state estese le strisce gialle a tutti i sottoambiti della zona;
  • sono stati realizzati molti nuovi interventi edilizi con box e posti auto in eccesso rispetto agli acquirenti e venduti/locati a esterni (Gola/Pichi/Magolfa, Fusetti, Torre, Casale, Magolfa/Argelati, Ripa Ticinese/Valenza ecc.);
  • si è registrato l’incremento dal 2008 ad oggi – dichiarato da ATM – del potenziamento del servizio radiobus e avviato il progetto di sviluppo di bus di quartiere;

Nel merito

Le seguenti proposte – tralasciando per il momento l’aspetto relativo alla Darsena – partono dal presupposto che l’Amministrazione Comunale adotti quanto contenuto nella nostra delibera n. 31 del 29.03.2008 con le seguenti integrazioni/modifiche:

  1. Area interessata all’isola pedonale

In via sperimentale della durata massima di 12 mesi avviare l’isola pedonale così delimitata:

Alzaia Naviglio Grande (da Via Valenza a Viale Gorizia),  Via Casale, Via Corsico, Ripa P.ta Ticinese (dall’incrocio con Via Paoli alla Darsena v.le Gorizia

  1. Regolamentazione dei parcheggi

Chiediamo venga inserito quanto segue:

  • Sostituzione dei pilomat con telecamere
  • Estensione delle strisce gialle per ambiti di residenza
  • Predisposizione di parcheggi per biciclette
  • Istituzione di servizio bus/navetta per il collegamento dell’area navigli con i posteggi di interscambio (Romolo, Famagosta, P.ta Genova)
  • Definizione convenzioni per le aree di sosta di P.ta Genova e Via Valenza
  • Blocco notturno della navigazione
  1. Controlli organizzati dall’Amministrazione Comunale

Si chiede che della Commissione monitoraggio facciano parte anche un rappresentante della Polizia Municipale, un rappresentante dell’ASL ed un rappresentante dell’AMSA. La presenza di dette figure risulta importante anche ai fini delle eventuali sanzioni che dovessero essere inflitte nel caso di inosservanza dei regolamenti. Si ritiene inoltre importante:

  • rafforzare la vigilanza urbana ( anche notturna ) per eliminare il parcheggio selvaggio ( es. V.le Gorizia )
  • prevedere una postazione fissa di vigilanza della polizia locale con installazione di colonnine di chiamata nei punti più sensibili per la sicurezza (ved. Parco Basiliche);

In aggiunta a quanto sopra indicato,  riteniamo indispensabile inserire tutta la partita relativa alla riqualificazione di tutta l’area Navigli dal punto di vista sociale, culturale, aggregativo ed economico; a tale riguardo suggeriamo l’ipotesi di prevedere e predisporre piccole aree per ospitare piccoli complessi acustici.

Inoltre, riteniamo si debba riprendere e definire in modo più puntuale quanto contenuto nel documento programmatico 2007-2011 della Navigli Lombardi Scarl.

Infine condividiamo e, di conseguenza, chiediamo vengano recepiti i seguenti punti – alcuni dei quali contenuti nella relazione del Comitati dei Residenti:

  • Realizzare/concedere spazi alle realtà artigianali ed artistiche presenti in zona fornendo spazi espositivi a costo zero;
  • Realizzare un percorso turistico guidato ed eventuale servizio pubblico con mezzi ecologici e comunque compatibili con la situazione delle sponde;
  • Incentivare le attività diurne – commerciali e non con particolare attenzione agli esercizi di vicinato  – al fine di rendere l’area in questione frequentata non solo nelle ore serali;
  • Inserire piste ciclabili che permettano di collegare la Darsena con il Parco Sud
  • Ristrutturare l’assetto stradale con valorizzazione degli elementi tipici e storici (ciotolati originali presenti ancora sotto il manto bituminoso che spesso riaffiorano spontaneamente per usura dello stesso)
  • uniformare l’arredo e il decoro urbano sia dell’isola pedonale Naviglio Grande sia della Ripa ticinese con stili consoni alla valorizzazione (es. parigine tutte dello stesso tipo invece di pali d’acciaio o altri);
  • inserire degli elementi volti ad abbattere le barriere architettoniche per i disabili (es. allargamento marciapiedi e inserimento scivoli);
  • stimolare A2A come avvenuto per il castello per realizzare un’illuminazione pubblica che valorizzi gli aspetti architettonici e gli elementi storici;

Poiché la riqualificazione di tale area non può prescindere anche dall’offerta culturale, si chiede che l’Amministrazione Comunale , attraverso le Associazioni presenti nell’area, gli istituti scolastici, i centri di formazione, le Università, i Musei predisponga un programma annuale di interventi culturali che valorizzino l’intera area a partire dalle ore diurne ricreando interesse e, di conseguenza, facilitando la permanenza e il ritorno di quelle piccole attività di vicinato che sono state negli anni costrette ad abbandonare l’area.

Quella dei Navigli può diventare anche un’occasione di nuove esperienze lavorative, soprattutto giovanili, se l’Amministrazione Comunale sarà in grado di garantire l’avvio di attività facendosi carico, magari attraverso i Distretti del Commercio ed in collaborazione con le associazioni di categoria, di parte dei costi attraverso la riduzione totale o parziale dei contributi di legge.

PARTITO DEMOCRATICO – PARTITO RIFONDAZIONE COMUNISTA – VERDI –

SOCIALISTI ITALIANI – ITALIA DEI VALORI – LISTA FO –

Milano, 19 Aprile 2010

proposte opposizione delibera aprile

Annunci
Categorie: Comunicati

Navigazione articolo

3 pensieri su “SULL’ISOLA PEDONALE PERMANENTE SUI NAVIGLI

  1. Marcius

    Il fondo stradale del tratto di Ripa di Porta Ticinese compreso tra via Valenza e viale Cassala è ormai da parecchio tempo sconnesso e molto pericoloso. Sono solo 700 metri di strada da mettere a posto eppure il comune persevera nel limitarsi a piazzare cartelli di avviso con relativo limite di velocità a 30 km/h.
    In rete ho trovato questo articolo di 6 anni fa:
    http://archiviostorico.corriere.it/2004/febbraio/05/Guidate_venti_all_ora_cartelli_co_7_040205037.shtml
    Interessante notare che in questi 6 anni abbiano innalzato il limite di velocità da 20 a 30 km/h!

  2. Marcius

    Ho dimenticato di esprimere il mio apprezzamento per le proposte pubblicate.

  3. I commenti sono sempre il benvenuto
    Admin Blog

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: